Vitelli che si ammalano di meno

L’assunzione del colostro dopo il parto è una fase molto critica per il vitello neonato, e ne influenza la salute e l’accrescimento per molti mesi a venire. E’ anche una continua sfide per l’allevatore, perché è soggetto a molte variabili che ne compromettono il successo.

Il colostramento è influenzato infatti da molti fattori. Alcuni dipendono dalla gestione della madre: se per esempio l’integrazione minerale e vitaminica in asciutta è scadente, o se la madre è in ipocalcemia il giorno del parto, il colostro sarà più scadente. Altri dipendono dal colostro, come la quantità, la qualità o la carica batterica. Altri ancora dalla gestione: il tempo di mungitura, di somministrazione, l’eventuale congelamento / scongelamento, ecc. Altri infine dal neonato: i vitelli sottopeso, i gemelli, quelli deboli e infreddoliti assorbono male gli anticorpi.

In particolari periodi dell’anno o in situazioni contingenti è complicato tenere sotto controllo tutti i parametri che consentono il corretto passaggio dell’immunità dalla madre al vitello. L’allevatore può però aiutarsi con prodotti specifici. Biocolost B è il prodotto più avanzato per migliorare il colostramento dei vitelli neonati.